.
Annunci online

rebis [la rinascita è sempre possibile]
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

CIO' CHE PASSA O E' PASSATO SUL MIO COMODINO

POESIE EROTICHE di Giorgio Baffo Veneziano

" Gli inventori delle malattie.
Come ci hanno convinti di essere malati"
  di Jorg Blech


"IO,LA NOTTE.Incontri e situazioni"
  di Anna Luisa Zazo


E CHUCK PALAHNIUK??
CAVIE O  SURVIVOR...VE LI CONSIGLIO!FACILI, BELLI, VELOCI.SENZA IMPEGNO.

NON MI AVRANNO NEANCHE MORTA


IL PAPA E' SOVRANO DI UN ALTRO STATO.NON DEVE INTERVENIRE NEL NOSTRO!




DONNE!!
RICORDATEVI CHE:
UN PEL DI FICA TIRA PIÙ DI UN CARRO DI BUOI!!!
PENSATE QUANTE E QUALI GRANDI COSE POTREMMO FARE SE METTESSIMO I NOSTRI TUTTI INSIEME!!

PRINCIPI
Ecco, io purtroppo ho dei principi morali che non riesco e non potrei mai rinnegare altrimenti rinnegherei me stessa. Uno di questi riguarda la libertà di parola, pensiero ed espressione, in qualsiasi forma.Ma io ci credo e li difendo...mica come tutti quegl'altri che poi razzolano male.Per questo lascio sempre a tutti la possibilità di commentare i miei post e d'insultarmi se credono, se sono insulti costruttivi poi, ben vengano!Se però saranno insulti inutili ed a buon mercato, perdipiù anonimi o senza possibilità di contattare chi li ha scritti, mi riterrò per forza di cose superiore a chi li ha lasciati.
Cancellerò solo i commenti che per sbaglio sono doppi o tripli...(o magari in altri casi particolari...)

REGOLA N°1 DEL BLOG: se qualcuno, leggendo i miei sogni, li dovesse giocare al lotto e poi dovesse vincere allorà dovrà farmi un regalo di valore pari a 2 decimi della sua vincita, altrimenti in poco tempo si ritroverà più povero di quel che era.Tiè!
REGOLA N°2 DEL BLOG:se qualcuno, leggendo i miei sogni, dovesse usarli come spunto per creare forme artistiche di qualsiasi genere, dovrà mettere vicino al suo nome l'indirizzo del mio blog, e se ci dovesse pure guadagnare dovrà darmi il 5% dei diritti d'autore, se non lo farà le sue opere verranno sempre scartate!Tiè!
REGOLA N°3 DEL BLOG: se sei un cretino senza cervello trattieniti dal lasciare un segno del tuo passaggio in questo blog. Ammesso che un cretino riesca a capire di esserlo..





ATTENZIONE

Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarmelo e saranno subito rimosse.





OK...SARO' BANALE, MA QUESTO QUA SOTTO E' L'UOMO DEI MIEI SOGNI....CINICO, BASTARDO, MEDICO E MUSICISTA...UN PO' PAZZO UN PO' DROGATO!SE NE CONOSCETE UNO COSI' PORTATEMELO!



OPPURE MI POTREI ACCONTENTARE  ANCHE DI UNO DEI CINEMA STRANGE



15 aprile 2007
SOCIETA'
LA PAROLA E IL POTERE

" Regere fines, l'atto che consiste nel <tracciare con linee dritte i confini>, nel separare <l'interno dall'esterno, il regno del sacro dal regno del profano, il territorio nazionale dal territorio straniero>, è un atto religioso compiuto dal personaggio investito della più alta autorità, il rex, responsabile di regere sacra, di fissare le regole che danno vita a ciò che esse dettano, di parlare con autorità, di pre-dire, nel senso di chiamare in vita, con un dire esecutorio, ciò che si dice, di far avverare il futuro che si enuncia. La regio e i suoi confini (fines) sono solo la traccia morta dell'atto di autorità che consiste nel circoscrivere il paese, il territorio (che si dice anche fines), nell'imporre la definizione (altro significato di finis) legittima, conosciuta e riconosciuta, dei confini e del territorio, insomma il principio di di-visione legittima del mondo sociale. Questo atto di diritto, che consiste nell'affermare con autorità una verità che ha forza di legge, è un atto di conoscenza che, fondato come tutti i poteri simbolici sul riconoscimento, dà vita a ciò che enuncia (…). Anche se egli non fa altro che dire con autorità ciò che è, e anche se si contenta di enunciare l'essere, l'auctor produce un cambiamento nell'essere: per il fatto di dire le cose con autorità, cioè di fronte a tutti, pubblicamente e ufficialmente, egli le sottrae all'arbitrario, le sanziona, le santifica, le consacra, facendole esistere come degne di esistere, come conformi alla natura delle cose, come <naturali>.[…] la <realtà>, in questo caso, è sociale da ogni lato e le classificazioni più naturali si appoggiano a tratti che non hanno nulla di naturale e che sono, in gran parte, frutto di una imposizione arbitraria, cioè di uno stato precedente del rapporto di forza nel campo delle lotte per la delimitazione legittima."
     PIERRE BOURDIEU "La parola e il potere. L'economia degli scambi linguistici" p.111-112 ed.Guida1988


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica società dialogo bourdieu

permalink | inviato da rebis il 15/4/2007 alle 16:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia
  




IL CANNOCCHIALE